Inseparabile

Lalla Romano

Collana Senza Frontiere

  • Pubblicazione: 23 febbraio 2017
  • Pagine: 224
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788867086375
  • Prefazione: Giovanni Tesio
  • prezzo: € 18,00
    - Sconto 15%: € 15,30
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Una «cronaca famigliare»

Inseparabile è il libro che fa dittico con L’ospite, pubblicato otto anni prima, ma qui Emiliano – l’«ospite» che cresce – più che un protagonista è il filo conduttore di una trama complessa, che coinvolge più persone. Non è più «un piccolo dio», ma è attore involontario e vittima innocente intorno a cui continua a ruotare il mondo non sempre provvido degli adulti, ognuno con diverse gradazioni di ruolo e di coinvolgimento.

Il tutto visto sempre dagli occhi di quella nonna, Lalla Romano, che dice io: un io che scrive assai prossimo all’io che vive. Il rapporto fondamentale nel libro (già presente ne L’ospite) continua a riguardare in primis il nipote e la nonna, pur essendoci più campo per gli altri comprimari: Marlène, la mamma di Emiliano; Piero («Papeo»), il suo papà (nonché figlio della scrittrice, con cui i rapporti sono complicati da sempre); il solidale nonno Innocenzo; il diffidente Dionigi, nuovo compagno della madre, e altre figure minori. 

Sono le emozioni e i sentimenti i veri protagonisti del romanzo.

Ed è nel loro intreccio tutto umano, seguito dall’autrice con acuta e lucida sensibilità, che si formano la trama narrativa e le vivissime fisionomie dei personaggi. 

 

L'incipit

«Lei è misteriosa. Forse perché non parla; ma è qualcosa di più sottile e insieme di più disarmante. Riconosco di essere sempre stata un po’ innamorata di lei: da ciò la timidezza che questa condizione comporta (considerandolo un amore non corrisposto: ma chi sa?). Piero è segreto, piuttosto che misterioso. E il segreto esiste; infatti è volontario. Mentre il mistero può essere – anzi, è – frutto di fantasia. Nemmeno lui parla; però scrive, anche se raramente, e scrive in modo lucido, corposo, perfino quando usa, come fa ora, il linguaggio criptico delle favole e delle allegorie. Penso anzi che ricorra a questo linguaggio un po’ incantato per esprimere e insieme conservare il suo segreto. Il quale è legato in gran parte al mistero di lei. Sì, è un circolo. Il sorriso di lei è sempre aperto, diretto, come appariva nella sua fotografia di bambina, che un tempo era appesa nell’officina di Piero, e che non esiste più. La sua voce è squillante e luminosa, quando lei si fa viva al telefono che ha taciuto a lungo, e io quasi non spero più. Si annuncia col suo nome e poi risponde, più o meno a monosillabi. Ma il mistero non è oscuro; è soltanto indecifrabile, perché non rimanda ad altro che a se stesso. (…)».

Contenuti extra

In copertina: un dipinto di Lalla Romano, Ritratto classico, 1942 © Antonio Ria

Rassegna stampa

altre recensioni

Presentazioni del libro

20 . 03 . 2017

Evento

Lalla Romano: il ritorno di una grande scrittrice - lunedì 20 marzo

Lunedì 20 marzo ore 18,00 Centro Studi Piemontesi - Via Ottavio Revel, 15 Torino Lalla Romano: il ritorno di una grande scrittrice «Ci sono ritorn...

altre presentazioni

Nella stessa collana

Cronache brasiliane Joaquim Maria Machado de Assis

Cronache brasiliane

Il soldato nudo Gian Piero Bona

Il soldato nudo

Il dottor Glas Hjalmar Söderberg

Il dottor Glas