Due racconti

«Un caso di coscienza» e «Ho sognato l'Ospedale»

Lalla Romano

Collana Senza Frontiere

  • Pubblicazione: 2 novembre 2017
  • Pagine: 120
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788867087877
  • A cura di: Antonio Ria
  • Prefazione: Giovanni Tesio
  • prezzo: € 13,00
    - Sconto 15%: € 11,05
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Un caso di coscienza

«Io chiedo soltanto di contemplare in pace la bellezza del mondo». Tale è il mio grido del cuore, che viene chiarito qui appresso: «rifuggo dal “troppo umano”. Le storie non mi interessano. Eppure so che solo le piccole storie esistono».

E allora? Come posso aver avuto a che fare con un caso di coscienza? Trovare le parole per raccontarlo è stato il mio compito, intorno al «caso» che mi coinvolse tanti anni fa. La sorte – la mia, naturalmente – mi ha offerto una circostanza, per cui ho potuto abbinare i due impegni: indagare – dentro la mia coscienza – sulla piccola storia, e nello stesso tempo (in senso letterale, cioè negli stessi giorni, nelle stesse ore) contemplare la bellezza del mondo, per di più nella forma che per me è di massimo conforto: una vista di montagne in un amplissimo giro d’orizzonte, e, vicinissima, intrigante, la vita minuta degli insetti: cavalette, grilli, api.

La contemplazione, in alternativa, ha certo favorito la concentrazione, ma questa soltanto è creativa.

La mia memoria è sapiente; è fedelissima, però solo per rari momenti, così che il passato è insieme presente: in quanto essa non crea flusso, ma rivela (inventa).

Il tutto è anche confessione? Necessariamente. 

Lalla Romano

 

Ho sognato l’Ospedale

Le cliniche sono alberghi di lusso; l’Ospedale è un’altra cosa. Il compito dell’Ospedale è di natura primaria: l’esame del corpo, il controllo delle sue funzioni. Tale compito è sorretto da una disciplina ferrea, attenuata magari dalla gentilezza degli addetti. Punte di grottesco, di comicità involontaria, ma anche incontri umani sorprendenti rendono indimenticabile l’esperienza.

L’occhio di uno scrittore trasforma il realismo dell’Ospedale in una visione fantastica (onirica): da ciò il «sogno dell’Ospedale». Ne può nascere un racconto «estremo». 

Lalla Romano

Contenuti extra

In copertina: Lalla Romano, Autoritratto severo, 1940 circa © Antonio Ria

Nella stessa collana

Cronache brasiliane Joaquim Maria Machado de Assis

Cronache brasiliane

Il soldato nudo Gian Piero Bona

Il soldato nudo

Il dottor Glas Hjalmar Söderberg

Il dottor Glas