Close up (1927-1933)

Antologia della prima rivista internazionale di cinema

Paola Zaccaria

Collana Fuori Collana

Close up (1927-1933)
  • Pubblicazione: 1 settembre 2002
  • Pagine: 292
  • Formato: 14x20,4
  • ISBN: 9788871804149
VERSIONE CARTACEA
  • prezzo: € 21,50
    - Sconto 15%: € 18,28
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €
Close up (1927-1933)

Il libro

Nel corso di sei anni di pubblicazione «Close Up» rifletté su questioni cruciali per lo sviluppo dell'arte cinematografica. Per volontà dei suoi promotori, Kenneth Macpherson, Bryher (Winifred Ellerman) e H(ilda) D(oolittke), la rivista si pose come luogo di riflessione allargata, uno spazio per il libero scambio d'idee fra operatori del settore, letterati, critici e spettatori amanti della nuova arte. I collaboratori della rivista – vi scrissero tra gli altri Gertrude Stein, Man Ray, Sergej Ejzenštejn – erano consapevoli che il cinema poteva svolgere una funzione educativa, culturale e sociale come nessun'altra forma d'arte aveva potuto fare prima; soprattutto, il cinema poteva essere un mezzo per denazionalizzare e democratizzare le culture, un veicolo di accesso a fedi e sentimenti internazionalistici. La rivista scelse da subito di porsi come faro in grado di gettare luce non solo sul cinema europeo, americano, ma anche africano e giapponese. È proprio in relazione a questo collocarsi oltre qualsiasi nazionalità che va spiegata anche la concezione della superiorità del cinema muto rispetto al sonoro. Il cinema era medium interessante perchè arte transnazionale, o, come le avanguardie dicevano in quei giorni, «internazionale», oltre che interraziale: l'avvento dei dialoghi avrebbe distrutto questo linguaggio internazionale, ristabilendo confini nazionali, culturali e linguistici, oltre che censure.Il volume curato da Paola Zaccaria inquadra criticamente e storicamente la «prima rivista internazionale di cinema» - di cui presenta una ricca selezione di articoli, raccolti per argomenti: da «cinema e censura» a «cinema e psicoanalisi», da «cinema e musica» al discusso ruolo pedagogico del cinema, fino all'epocale passaggio dal muto al sonoro -, nell'ambito di una ricerca multidisciplinare tesa a una riscrittura della storia culturale dei primi decenni del secolo scorso e a un confronto aperto con il dibattito contemporaneo sul modernismo, nella prospettiva di una rivalutazione dell'apporto delle donne e di figure e sperimentazioni finora ai margini delle letture canoniche.

Nella stessa collana

Associazioni imprevedibili Alberto Pezzotta

Associazioni imprevedibili

Confini del cinema Pierluigi Basso

Confini del cinema

La luna, i falò Paolo Vecchi

La luna, i falò