Così affondammo la Valiant

La più grande impresa navale italiana della seconda guerra mondiale

Luciano Garibaldi , Gaspare Di Sclafani

Collana I Leoni

  • Pubblicazione: 11 luglio 2019
  • Pagine: 136
  • Illustrazioni: inserto fotografico
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788833531922
  • prezzo: € 14,50
    - Sconto 15%: € 12,33
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

La seconda guerra mondiale ha portato all’Italia sconfitte e umiliazioni. Il Paese non era preparato al conflitto, gli italiani non lo volevano. I vertici militari, spesso incompetenti, erano divisi da rivalità e gelosie. Una cosa però è certa: moltissime volte i nostri soldati si sono comportati con coraggio, valore e grande dignità, tanto da meritare il rispetto e anche l’ammirazione dei nemici. È il caso degli uomini della Decima MAS, guidati da un ufficiale d’eccezione, il principe romano Junio Valerio Borghese. Fra le tante imprese di questa piccola unità nel Mediterraneo, la più notevole fu l’attacco al porto di Alessandria d’Egitto, il 18 dicembre 1941. L’azione fu portata a termine da sei intrepidi che, letteralmente «cavalcando» tre siluri, affondarono due corazzate inglesi, la Valiant e la Queen Elizabeth. Quegli uomini erano il tenente di Vascello Luigi Durand de la Penne, il capitano del Genio Navale Antonio Marceglia, il capitano delle Armi Navali Vincenzo Martellotta, e i sottufficiali Emilio Bianchi, Spartaco Schergat e Mario Marino.

Ma come si svolse esattamente l’operazione? Come fu progettata? Quali rischi corsero i nostri soldati? E, ancora, cosa voleva dire far parte della Decima MAS e operare agli ordini del comandante Junio Valerio Borghese?

Degli stessi autori

Nella stessa collana

Simboli dell'antico Egitto Christiane Desroches-Noblecourt , Daniel Elouard

Simboli dell'antico Egitto

Un unico vero Dio Rodney Stark

Un unico vero Dio