Benoît Misère

Léo Ferré

Collana Senza frontiere

  • Pubblicazione: 1 maggio 2015
  • Pagine: 256
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788867083459
  • Traduzione: Giuseppe Gennari
  • Prefazione: Giuseppe Gennari
VERSIONE CARTACEA
  • prezzo: € 22,00
    - Sconto 15%: € 18,70
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

Oltre venti editori italiani (alcuni grandi, altri più piccoli, tutti molto autorevoli) hanno rifiutato, esplicitamente o implicitamente, per qualche motivo, la pubblicazione del romanzo di Léo Ferré, Benoît Misère. Eppure con la morte di Ferré, avvenuta a Castellina in Chianti il 14 luglio 1993, l’umanità ha perso un genio.

Léo de Hurlevent, come si faceva chiamare agli inizi, fu definito da Jack Lang «memoria delle nostre rivolte, poeta delle nostre speranze». Louis Aragon affermò che «a causa di Léo Ferré bisognerà riscrivere la storia della letteratura in modo un po’ diverso». André Breton lo annoverò tra i poeti del secolo. E anche il nostro Giovanni Testori parlò della sua opera come di un «eroico e sublime Canzoniere».

In questo romanzo di formazione umana e artistica, Ferré, attraverso l’io narrante di Benoît Misère, racconta a se stesso il mare inquieto della propria memoria. Un mare il cui moto si origina a sorpresa nell’autore quando egli è ancora immerso nel liquido amniotico dell’esistenza intrauterina e si chiude – per una invocata, surreale e tenera inversione a U – in un ritorno nella sua primitiva tomba acquatica: il ventre materno, sacello anonimo «che non si copre mai di fiori».

E poi diciamo che è un romanzo di movenze insolite, di ombre fantastiche, di sonorità irrituali, di sapori doppi. Non un romanzo per tutti, senza però essere elitario.

È una lettura per chi sa leggere tra le righe, sopra e sotto, per chi sa percorrerle in lungo e in largo, per chi sa incunearsi dentro le parole, per chi sa dilatarle, per chi sa voltarle e prendere quel che c’è scritto alle spalle di ognuna, carpirne l’altro mistero.