Piazza Fontana e il mito della strategia della tensione

Massimiliano Griner

Collana I Leoni

  • Pubblicazione: 1 novembre 2011
  • Pagine: 312
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788871809106
VERSIONE CARTACEA
  • prezzo: € 22,00
    - Sconto 15%: € 18,70
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €
La versione cartacea di questo libro non è al momento disponibile sul nostro store.

Il libro

Nell’arco di cinque anni, fra il 1969 e il 1974, in Italia si sono contati 4.000 attentati e sei stragi.

  • In piazza Fontana, a Milano, nella sede della Banca dell’Agricoltura (12 dicembre 1969);
  • sulla Freccia del Sud presso Gioia Tauro (22 luglio 1970);
  • a Peteano (31 maggio 1972);
  • alla questura di Milano (17 maggio 1973);
  • in piazza della Loggia a Brescia (28 maggio 1974);
  • e infine sul treno Italicus (4 agosto 1974).

Il bilancio è stato di 50 morti e di circa 2.700 feriti.

Bastano questi pochi e agghiaccianti dati per dimostrare l’eccezionalità di quel periodo della storia italiana. Ma chiunque abbia studiato le vicende e le carte dell’epoca ha dovuto constatare che una tale tragica contabilità non è il solo elemento fuori dell’ordinario. A essa dobbiamo aggiungere una lunga serie di fatti e di elementi anomali e inquietanti: ripetuti errori nella conduzione delle indagini, rivalità fra forze dell’ordine e apparati dello stato, la presenza di organizzazioni occulte, l’azione dei servizi segreti, l’esistenza di piani di difesa in caso di invasione, l’intervento della criminalità organizzata e gli effetti della «controinformazione» orchestrata da una certa stampa.

Su questo complicatissimo intreccio si è poi innestata la teoria della cosiddetta strategia della tensione, che avrebbe dovuto dare un senso allo stillicidio di piccoli e grandi attentati, individuandone la regia occulta.

A districare questa matassa, ancora così delicata e scottante, si è dedicato Massimiliano Griner con un lungo lavoro di raccolta e studio delle sentenze, di scavo negli archivi e di rigorosa rilettura delle testimonianze dei protagonisti (in molti casi raggiunti e nuovamente intervistati). Al di là della verità accertata in sede giudiziaria anche in tempi molto recenti, l’analisi di Griner ha soprattutto cercato di eliminare le false piste e le deviazioni, le leggende e i miti, per raccontare i fatti e, quando non era possibile appurarli, per proporne la ricostruzione più verosimile e ragionevole.

Questo libro è dedicato a chi ha vissuto quelle tragedie, ma soprattutto a quanti ancora vogliono capire.

Nella stessa collana

Simboli dell'antico Egitto Christiane Desroches-Noblecourt , Daniel Elouard

Simboli dell'antico Egitto

Un unico vero Dio Rodney Stark

Un unico vero Dio