La musica secondo Kubrick

Sergio Bassetti

Collana Il Grande Cinema

  • Pubblicazione: 22 agosto 2019
  • Pagine: 192
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788833531519
  • prezzo: € 19,00
    - Sconto 15%: € 16,15
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

Estranea a tentazioni descrittive, mai futilmente cosmetica o gregaria, la musica nel cinema di Kubrick si pone come vigorosa forza motrice densa di risonanze e sottotesti, che offre allo spettatore percorsi di senso originali e un’accesa capacità evocativa: non è azzardato sostenere che l’agglomerato musicale allestito dal regista per 2001: Odissea nella spazio ridefinisce, con un perentorio voltar pagina, lo statuto e le intenzioni stesse della coalizione tra immagini e dispositivo musicale nel film.
Soluzioni e accostamenti audio/visivi sin lì inediti, controcorrente, e persino sconvenienti – stando almeno al galateo applicativo allora in voga –, fanno d’un sol colpo breccia e dilagano dallo schermo alleandosi a immagini non meno destabilizzanti: l’esperienza sonora spettatoriale ne esce radicalmente rivoluzionata nelle sue norme e forme. Riconsiderato retrospettivamente, il rifiuto di ogni prassi applicativa tradizionale fa di 2001 la più puntuale trasposizione degli umori sovversivi del ‘68 in territorio cine-musicale, e ratifica la parità – quando non il primato – del suono nella gerarchia tanto espressiva che puramente sensoriale del film. Di lì in avanti Kubrick non perderà occasione di ritoccare e perfezionare il suo canone, e ciascuno dei cinque capolavori successivi sarà tappa ulteriore di una sperimentazione incessante, anche quando attuata con gesti forse meno trasgressivi ma sempre guidati da un pensiero musicale istintivo e al tempo stesso rigorosamente organizzato.