Una birra e uno straccio

Le barzellette come le raccontano solo nei film

Alberto Anile

Collana Fuori Collana

  • Pubblicazione: 18 novembre 2021
  • Pagine: 192
  • Illustrazioni: inserto fot. b/n
  • Formato: 13,2x19,3
  • ISBN: 9788833537047
  • Prefazione: Gianni Amelio
  • Postfazione: Alberto Anile
  • prezzo: € 18,00
    - Sconto 5%: € 17,10
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

Spassose, spiazzanti, anarchiche. Raffinate ed elusive, oppure licenziose e salaci. Spesso irriverenti, a volte estreme, caricature spudorate del peggio che è in ciascuno di noi e che non sempre si è disposti ad ammettere. Le barzellette che si raccontano nei film sembrano parentesi divertenti, storie dentro altre storie, ma sono quasi sempre molto di più: un termometro di umanità, un abile riassunto tematico, una preparazione al colpo di scena, un magico momento di sospensione che ci porta per qualche momento all’interno del film, fianco a fianco con i protagonisti.

Questo libro ne raccoglie e commenta oltre un centinaio, rintracciate dentro i film più diversi, dalle commedie di Verdone ai thriller di Tarantino, dalla fantascienza hollywoodiana al cinema d’autore. Perché questo cinico condensato della condizione umana, libero dagli obblighi del politicamente corretto, è stato amato e utilizzato anche da insospettabili maestri: Godard, Tarkovskij, Kurosawa, Pasolini, Kiarostami…

Centotrenta esercizi d’intelligenza e buonumore. A cominciare dalla fulminea storiella raccontata da Paul McCartney a Johnny Depp nel quinto Pirati dei Caraibi, e che dà titolo al libro: «Uno scheletro entra in un bar e ordina una birra e uno straccio».

Alberto Anile svela la storia del cinema senza dogmi, intrattenendoci con l'intatta affabulazione di uno spettatore felice. In ogni suo scritto c'è una scelta azzardata ma non casuale degli argomenti, sia Orson Welles nel suo peregrinare italiano, il Totò proibito oppure, con Maria Gabriella Giannice, i vulcani in guerra e Il Gattopardo da destra a sinistra. C'è fervore e competenza, mai un grammo di saccenteria. Oltre a una capacità di scoperta (sua) e coinvolgimento (nostro) di cui gli siamo grati.
– dalla prefazione di Gianni Amelio

Nella stessa collana

La luna, i falò Paolo Vecchi

La luna, i falò

Fisiologia dell'immagine Stefania Parigi

Fisiologia dell'immagine

Patrizia Molinari. Anatomia del Logos Lucrezia De Domizio Durini

Patrizia Molinari. Anatomia del Logos