Nel segno del nulla

Critica dell’ateismo moderno

Roberto Giovanni Timossi

Collana Biblioteca

  • Pubblicazione: 1 febbraio 2015
  • Pagine: 432
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788867083107
  • prezzo: € 32,00
    - Sconto 15%: € 27,20
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

Nel mondo contemporaneo l’area della non credenza si allarga ogni giorno di più e, anche nell’ambito di coloro che si dicono credenti, si stanno diffondendo i comportamenti tipici dell’ateo pratico. L’ateismo si presenta come l’elemento unificante di culture e concezioni filosofiche spesso profondamente diverse tra loro ed è riuscito a insinuarsi in alcune teologie, come quelle della morte di Dio.

In una rivisitazione complessiva dell’ateismo nella sua evoluzione storica, Roberto Timossi analizza il pensiero dei principali negatori dell’esistenza di Dio e della religione (da D’Holbach a Feuerbach, da Nietzsche a Heidegger, da Sartre a Foucault, da Meslier a Proudhon, da Stirner a Marx, da Bloch ad Adorno, da Sade a Freud, da Schopenhauer a Leopardi e Camus, da Russell a Carnap e Ayer), dedicando un’attenzione particolare agli atei «scientifici» e ai cosiddetti atei moderni, perché negli ultimi decenni si è diffusa una forma di ateismo che vede come protagonisti molti celebri uomini di scienza, quali Steven Weinberg, Richard Dawkins e Stephen Hawking. Nel segno del nulla offre dunque una visione completa dell’orizzonte ateo e un’interpretazione delle direttrici principali dell’ateismo alla luce dell’attuale condizione umana, perché di fronte a ogni singolo uomo si pone sempre la questione del senso dell’esistenza, del confronto con il rischio dell’assurdo e del nulla.

«Il perfetto ateo sta sul penultimo gradino prima della fede più perfetta.»

– Fëdor Michailovic Dostoevskij

Nella stessa collana

Stat Veritas Romano Amerio

Stat Veritas

Fior da fiore. Novelle Botaniche Giuseppe Sermonti

Fior da fiore

Lo Zibaldone di Romano Amerio Romano Amerio

Zibaldone