Dignità del cristianesimo e indegnità dei cristiani

Nikolaj A. Berdjaev

Collana Piccola biblioteca

  • Pubblicazione: 13 febbraio 2020
  • Pagine: 74
  • Formato: 11x17
  • ISBN: 9788833532783
  • A cura di: Giorgia Rimondi
  • Traduzione: Giorgia Rimondi
  • prezzo: € 9,50
    - Sconto 15%: € 8,08
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

Nel saggio Dignità del cristianesimo e indegnità dei cristiani, pubblicato nel 1928 a Parigi, quando già si trovava in esilio, Berdjaev riflette sulla crisi del mondo moderno (la cui massima espressione rintraccia in quegli spiriti che animano la rivoluzione russa: socialismo, ateismo e nichilismo, esiti naturali del positivismo umanistico), interpretandola come crisi del cristianesimo storico. Proprio la rivoluzione, sintomo della moderna spaccatura individualistica tra giustizia sociale e spiritualità, rappresenta innanzitutto una questione metafisico-religiosa, così come il messianismo rivoluzionario corrisponde alla mistificazione socialista dell’escatologismo cristiano.

Convinto che soltanto la riscoperta delle radici cristiane permetta all’uomo di recuperare la sua originaria vocazione, Berdjaev annuncia l’avvento di una nuova epoca di rinascita spirituale, di un cristianesimo rinnovato in cui si è chiamati a realizzare attivamente la «religione della libertà e dell’amore».

«Il cristianesimo penetra in un’epoca totalmente nuova, diventa impossibile vivere la propria fede esteriormente, limitarsi a una devozione rituale; i credenti devono prendere più seriamente la realizzazione del cristianesimo nella pienezza della vita, devono difendere la loro fede in prima persona, con la loro vita, la loro fedeltà a Cristo e ai suoi principi, opponendo all’odio del mondo l’amore».