Conversazioni intorno al fuoco

Meditazione e tradizioni spirituali

Paolo Scquizzato

Collana I Pellicani

  • Pubblicazione: 10 giugno 2022
  • Pagine: 128
  • Illustrazioni: b/n nel testo
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788833538211
  • Prefazione: Antonia Tronti
  • prezzo: € 14,00
    - Sconto 5%: € 13,30
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

Il valore intrinseco della diversità. Così avrebbe potuto intitolarsi questo piccolo e prezioso volume che raccoglie le conversazioni intrecciate da don Paolo Scquizzato con quattro amici in momenti diversi durante la crisi pandemica: Andrea Loreni, funambolo, Davide Maria Cova, fondatore del centro di meditazione Dorje-Ling, Alessandra Prema De Salvo, educatrice e insegnante di yoga contemplativo e Gabriele Goria, praticante di arti marziali e artista.

Sollecitati dal loro interlocutore, raccontano la ricerca del proprio io profondo, descrivendo percorsi eterogenei per tempi, modi, scelte e pratiche, ma sempre aperti, accoglienti, attenti alle esperienze fatte dagli altri. Si avverte la consapevolezza che dal confronto, fonte di autentico arricchimento, è possibile cogliere affinità inaspettate, continue possibilità di contaminazione, coincidenze mai marginali. 

Molti sono i temi affrontati, tutti cari a quanti si interrogano sui propri limiti, le proprie incertezze, i propri condizionamenti: il vuoto, il silenzio, la paura, l’inaspettato. Ma è la meditazione, nelle sue varie forme e specificità, a rappresentare il sottile filo rosso dei diversi cammini intrapresi. Grazie a essa possiamo infatti riconoscere l’illusorietà della vita che conduciamo e «risvegliarci».

«Tutte le grandi tradizioni mistiche invitano a risvegliarci,
a divenire consapevoli che la vera vita, quella autentica,
ci è nascosta perché viviamo distratti e incentrati su ciò che è effimero. È ciò che Gesù chiama la necessità di nascere due volte.
Viviamo da morti, ossia inconsapevoli che l’essenziale
non è ciò che chiamiamo vita. Viviamo in una disastrosa illusione,
che ciò che chiamiamo ego sia il vero sé, senza esserlo affatto».
– Paolo Scquizzato