Barbari

L'alba del nuovo mondo

Peter S. Wells

Collana I Leoni

  • Pubblicazione: 16 novembre 2017
  • Pagine: 242
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788867088188
  • Traduzione: Franco Ossola
VERSIONE CARTACEA
  • prezzo: € 19,50
    - Sconto 15%: € 16,58
Ultima copia disponibile Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

«In questo libro ho cercato di dimostrare che, lungi dall’essere un periodo di negazione culturale e di inaudita violenza, i secoli che vengono popolarmente definiti bui furono al contrario vivificati da un forte dinamismo creativo e culturale, da scambi commerciali anche su vasta scala. Essi costituirono un’epoca durante la quale gli europei gettarono le basi non solo per la civiltà medievale, ma per quella occidentale di oggi».

La storiografia non è stata benevola con i «barbari».

Noi europei siamo soliti delineare lo sviluppo delle nostre società evocando alcuni momenti topici: la Grecia, Roma, il Rinascimento, l’età moderna, l’Illuminismo, la Rivoluzione industriale, per arrivare poi ai nostri giorni. Lungo questo percorso esiste un periodo che sembra costituire una frattura nel contesto del progressivo manifestarsi della civiltà. Sono i cosiddetti «secoli bui» dell’Alto Medioevo, seguiti alla caduta dell’Impero romano a opera dei «barbari», quei popoli che i tardi scrittori latini descrivono come invasori violenti, incolti, dalla incerta identità (e che noi, seguendo loro, abbiamo continuato a giudicare tali).

In realtà le più recenti scoperte, soprattutto archeologiche, ci obbligano a un radicale ripensamento: esse infatti ci parlano di civiltà evolute e moderne, sia nelle condizioni di vita che nelle espressioni artistiche. A giudizio di Peter Wells l’età dei barbari segnò l’alba di un mondo nuovo, fu l’inizio dell’Europa che oggi conosciamo. Per la prima volta il baricentro del continente si spostò dal Sud mediterraneo al Nord dei celti e dei germani. Nuovi popoli e nuove tradizioni, fino a quel momento messi ai margini, si affacciarono sul proscenio della storia. E Roma fu sconfitta sul piano militare ma ancor più su quello culturale, perché le società barbariche si rivelarono più aperte, dinamiche e vitali.

Nella stessa collana

Simboli dell'antico Egitto Christiane Desroches-Noblecourt , Daniel Elouard

Simboli dell'antico Egitto

Un unico vero Dio Rodney Stark

Un unico vero Dio