26 . 10 . 2019

Evento

Interrestràre, il nuovo libro di Tiziano Fratus: gli appuntamenti

Interrestrare il nuovo libro di Tiziano Fratus

 

Voce del verbo Interrestràre, «verbo intransitivo, crasi fra le parole incanto, terrestre, camminare e meditare. Azione che produce un sentimento di meraviglia camminando in una valle o in un luogo colmo di bellezza.»

Tiziano Fratus, il "Cercatore d’alberi", è un poeta, la cui produzione editoriale è vasta, ricca, profonda. Nei suoi scritti e nelle sue meditazioni ha perfezionato il concetto di Homo Radix, una pratica di meditazione in natura e la disciplina della Dendrosofia. Di sé egli dice: «Abito un continente compreso fra la carta e la corteccia. La prima radice: la poesia.».

Il 26 settembre uscirà per le Edizioni Lindau il suo ultimo libro, Interrestràre. Quaderno di meditazioni, un diario intimo nel quale l’autore si racconta, segue il corso del proprio fiume e ne fa ricordo, riflessione, poesia in movimento. Il libro è dedicato al poeta William Stanley Mervin (Pulitzer per la poesia nel 2009, poeta dell’ecologia profonda) scomparso proprio nelle settimane in cui Fratus terminava di lavorare a queste pagine (15 marzo 2019). Ma sono tante le persone a lui care che lo “accompagnano nel bosco” per tentare di placare quella sete inestinguibile di “natura” e di “rinascita” che agita l’autore. Da Gary Snyder (il Poeta Laureato del Selvatico) a John Muir, da Wendell Berry a Robert Bly, da Thomas Merton ad Adriana Zarri. Ebbro di selvatichezza, di quella intraducibile wilderness che esisteva all’inizio dei tempi, quando al sesto giorno Iddio creò uomini e piante, bestie e il mondo così come poi è giunto a noi, lo spirito pulsa, e cammina nelle parole e nella nostra consapevolezza. 

Adesso abita nella «Casa del leccio», Tiziano Fratus, in un piccolo paese ai piedi delle Alpi Cozie, sulle orme dei suoi antenati vissuti in quella stessa Pianura Padana. Tra boschi e montagne, porta avanti un percorso spirituale di comunione con la natura e di meditazione, di studio e scrittura. Interrestràre raccoglie i frutti di questo percorso in divenire: appunti e meditazioni che prendono spunto dalle intuizioni più varie e, come le piante, si espandono per gemmazione, si ramificano creando connessioni sempre più profonde. 

«La parola meditazione riesce ancora a suscitare perplessità. A chi pratica pare bizzarro, ma per molti l’idea di sedersi, di inginocchiarsi, di ritirarsi per qualche intervallo di tempo dalla vita attiva a cui siamo insistentemente chiamati a partecipare, è esso stesso segno di debolezza, di mancanza di carattere, di una qualche forma di passività, in sostanza una perdita di tempo e di energie. O, in altre parole, un atto infecondo. Ma cos’è dunque la meditazione? Nel semplice gesto di meditare, quel che si appresta a fare, è dimenticare di saper fare. Per una ragione ottima: guarire, appianare, ordinare, divincolare. Iperbolicamente potremmo addirittura dire: iniziare a risorgere. Non è necessario, e probabilmente non è l’unica via, ma non è poco.»

La voce poetica di Tiziano Fratus è stata tradotta e rimodulata in dieci lingue (inglese, francese, portoghese, spagnolo, tedesco, polacco, croato, macedone, lituano, slovacco).
Il suo sito è  Studiohomoradix.com

---

Sarà possibile incontrare Tiziano Fratus:

14 settembre, La Morra (Cn), Aspettando Torino Spiritualità
22 settembre, Zocca (Mo), Poesia Festival
30 settembre, Circolo dei Lettori di Torino
 3 ottobre, Pinerolo (To), Libreria Volare
12 ottobre, Sala Polivalente di Roppolo (BI)
26 ottobre, ore 17, Biblioteca di Saint Vincent (AO)
27 ottobre, Castello di Moncalieri (To), Fiorile