L'esercito dell'imperatore

Storia dei crimini di guerra giapponesi (1937-1945)

Jean Louis Margolin

Collana I Quarzi

  • Pubblicazione: 1 settembre 2014
  • Pagine: 672
  • Formato: 14x20,4
  • ISBN: 9788867082827
VERSIONE CARTACEA
  • prezzo: € 36,00
    - Sconto 15%: € 30,60
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

È durata otto anni – dal 1937 al 1945 – la guerra scatenata dal Giappone in Asia orientale e nel Pacifico, ma ancora oggi è il conflitto del XX secolo meno conosciuto in Occidente, dove è riduttivamente considerato solo a partire dall’attacco aereo di Pearl Harbor del 7 dicembre 1941.

In quel lungo arco di tempo, l’esercito imperiale giapponese ha perpetrato crimini di inaudita ferocia, che richiedono un’analisi severa e approfondita, analoga a quella in corso da molti anni sulle atrocità compiute dal comunismo e dal nazismo in Europa. L’elenco è lungo e terribile: eccidi di prigionieri di guerra, campi della fame, cantieri della morte, prostituzione forzata, violenze sessuali, esseri umani usati come cavie, intere comunità intossicate da prodotti chimici. A Nanchino in poche settimane furono sterminate decine di migliaia di civili. E oltre 400 milioni di persone vissero sotto il terrore.

Come è stato possibile arrivare a tanto? Perché questi fatti sono stati a lungo taciuti? E perché ancora oggi, in Giappone, molti (compresi alcuni storici), pur non negando i fatti, li giustificano, ne sminuiscono la portata o ne attribuiscono la responsabilità agli Alleati?
Il Giappone ha beneficiato di numerose circostanze che hanno contribuito a mascherare le sue colpe e a trasformarlo in vittima, prima fra tutte le bombe atomiche lanciate sul suo territorio. Ma invocare il contesto storico, o quello che è accaduto dopo, o magari la tradizione militare nipponica, non è più sufficiente. La guerra del Pacifico nasconde molte verità importanti per chiunque voglia capire i totalitarismi di ieri e di oggi.

Rassegna stampa