Volevo morire a vent'anni

Camilla Salvago Raggi

Collana Senza Frontiere

  • Pubblicazione: 11 maggio 2017
  • Pagine: 118
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788867086689
  • prezzo: € 14,00
    - Sconto 15%: € 11,90
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Premio Letterario per la Donna Scrittrice 2017
Premio Speciale della Giuria

Il libro

Uno dei pochi aspetti positivi della vecchiaia è forse questo: la libertà di non preoccuparsi per ciò che pensano gli altri, per quanto avrebbe dovuto essere in un certo modo e così non è stato, per tanti supposti «doveri» che hanno rivelato nel tempo la loro sostanziale superfluità o inconsistenza. Proprio all’insegna di questa conquistata libertà si dipana il racconto autobiografico di Volevo morire a vent’anni, che, grazie allo spirito dell’autrice, mai preda della malinconia per la fine di tante cose, guarda al passato, al presente e anche al futuro con gratitudine ed entusiasmo.

Oltrepassata la soglia dei novant’anni, Camilla Salvago Raggi, scrittrice e ultima discendente di un’antica famiglia genovese, non tenta un bilancio (nessuno può farlo da sé), ma evoca persone, situazioni, incontri e pensieri con uno sguardo a un tempo lucido – dunque talvolta severo – e sempre profondamente partecipe.

Il libro è però soprattutto un’alta lezione di stile.

Stile letterario, dunque di scrittura, e stile di vita e nella vita, unica vera bussola nel marasma dell’esistenza.

 

L'incipit

«Morire a vent’anni!... Sì, questo volevo: naturalmente quando i vent’anni erano di là da venire, e io, una ragazzina con l’ambizione di diventare una scrittrice, e persuasa che una morte prematura potesse garantirle una sia pur postuma celebrità. «Giovane promessa stroncata nel fiore degli anni»: a questo aspiravo: tant’è vero che quello che scrivevo lo facevo – di getto – su certi grossi quaderni rilegati in carta di Varese (una sola cartoleria di Genova me li forniva) perché mi davano l’illusione di libri veri. Scritti a mano, ma veri: con tanto di costola col titolo in oro. Sì, passare ai posteri come una Grande Scrittrice era la mia aspirazione. Modesta, no? E se penso a quell’adolescenziale desiderio di morte e nello stesso tempo di immortalità non so se ci sia più da riderne o da piangerne. Come si può essere sciocchi da giovani. (…)»

Rassegna stampa

altre recensioni

Presentazioni del libro

10 . 05 . 2017

Evento

«Volevo morire a vent'anni»: anteprima del libro ad Alessandria

Presentazione del libroVolevo morire a vent'anni di Camilla Salvago RaggiMercoledì 10 maggio ore 18,00Palazzo del Monferrato - via San Lorenzo, 21...

Nella stessa collana

Cronache brasiliane Joaquim Maria Machado de Assis

Cronache brasiliane

Il soldato nudo Gian Piero Bona

Il soldato nudo

Il dottor Glas Hjalmar Söderberg

Il dottor Glas