La danza della vita

Comprendere il femminile attraverso le fiabe

Roberta Borsani

Collana Le Querce

  • Pubblicazione: 1 giugno 2012
  • Pagine: 184
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788871809977
VERSIONE CARTACEA
  • prezzo: € 16,00
    - Sconto 15%: € 13,60
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

Qualche volta la nostra vita sembra un oscuro sentiero, dove procediamo a tentoni temendo trappole e pericoli ignoti. Altre volte assomiglia a un inseguimento affannoso. Solo quando il percorso è conosciuto il passo diventa cadenzato e sicuro, come in una danza.
È possibile delineare una mappa della vita? Un modello che derivi dall’esperienza remota del genere umano? Una tale sapienza esiste, ed è quella perennemente vitale delle fiabe, i cui simboli ci guidano, come altrettante piccole luci, fuori dal bosco dell’erramento, verso casa.
Senza assumere teorie aprioristiche o dissolvere l’incanto poetico della narrazione, l’autrice esamina, attraverso questo fecondo patrimonio tradizionale, le opportunità e i rischi che si presentano all’esistenza femminile. Ci sono ragioni profonde che spingono Biancaneve a cadere nelle insidie della strega, sprofondano Rosaspina nel sonno e destinano Gretel a svelare l’inganno della casetta di marzapane. Le fiabe gettano una luce viva sulle sofferenze delle donne: disturbi alimentari e affettivi, disamore di sé, naufragio delle relazioni e, non meno che in passato, violenza. Chi la subisce senza reagire può rivelare una personalità poco consapevole del proprio valore e incapace di rinnovarsi. Innanzitutto, la disistima nasce dal semplicismo equivoco con cui il senso comune identifica tout court il femminile come un polo di ricettività passiva e di luce riflessa. Gravata delle qualità dell’archetipo, la donna si vede negare la complessa realtà della sua persona e un ruolo sociale da protagonista, con ripercussioni avvilenti.

Le fiabe la aiutano a ricongiungersi con la parte emozionale e sognante della sua anima, a comprendere i drammi con cui si misura ogni giorno, a trovare la strada di una più autentica e intima emancipazione.

Nella stessa collana

Morire a occhi aperti Marie de Hennezel

Morire a occhi aperti

Una vita da film Giovanni Piazza

Una vita da film

Vivere fino alla fine Ferdinando Cancelli

Vivere fino alla fine